Sede

La scuola tradizionale di arti marziali tradizionali ninja e samurai Ninjutsu Kojiki-Ryū 忍術 古事記 流
Il vero Ninjutsu a Catania, è solo al Dōjō Yuki no Senshi 雪の戦士 道場

 

Le Arti Marziali ti hanno sempre affascinato o hanno stuzzicato il tuo interesse in qualche modo?
Conosci la figura del Ninja e del Samurai? I famosi Guerrieri Medioevali Giapponesi.
Se stai pensando che potrebbe essere il caso di avvicinarsi a questo mondo e alla radice delle arti marziali tradizionali, inerenti a queste grandi figure, c'è un posto che fa per te a Catania.
 
L'unico vero Dōjō di Ninpō / Ninjutsu a Catania, riconosciuto dalle federazioni internazionali giapponesi, il Dōjō Yuki no Senshi!
Questa scuola privata di Arti Marziali Tradizionali, mette a tua disposizione dei corsi per apprendere quelle che sono le autentiche arti marziali tradizionali Giapponesi e Cinesi, ed in oltre al suo interno, avrai modo di apprendere la cultura, la storia e gli aspetti più intimi, di questi misteriosi e affascinanti paesi, con seminari, incontri culturali e tanto altro.
 
Questo, grazie a Sensei Scolaro Giuseppe Simone, S.G.S, classe 1985.
ジュセッペ シモネ スコラロ,白虎,先生。
Conosciuto in Giappone, (la sua vera casa), come Byakko San.
Maestro, ed esperto di Ninpō - Iaidō - Kenjustu e tecniche Hyōhō tradizionali.
Scuola Ninpō Zashu-Ryū, Ninjutsu Kojiki-ryū, Bujinkan Budō Taijutsu.
Storico ferrato dei periodi feudali del Giappone e della cultura tradizionale giapponese.
Responsabile ufficiale a Catania, della federazione mondiale ninjutsu Bujinkan.
 
Scolaro Giuseppe Simone, non è una star, ma un vero Sensei.
 
All'interno del Dōjō Yuki no Senshi vi è anche, l'unico corso al mondo, di ninjutsu
interamente dedicato ai non udenti, appositamente creato per loro,
in quanto Scolaro è un interprete qualificato del linguaggio LIS,
in collaborazione con ENS di Catania, Torino, Asti e Alessandria.
 
Se non hai mai praticato Arti Marziali, o sport in genere non ha importanza.
Il Sensei, dopo un colloquio diretto per valutare se sei idoneo ad entrare a far parte della scuola, ti accoglierà al Dōjō, insegnandoti meticolosamente ciò che ti occorre per diventare un guerriero ninja, e ti accompagnerà fin dove vorrai.
Rispetto ad un giapponese, o un cinese dei periodi feudali orientali, la vita sedentaria di oggi è normale che ci renda insicuri e convinti di non essere idonei alle arti marziali.
Ma in realtà, con la volontà e con l'aiuto di un maestro qualificato, chiunque può riscoprirsi meno imbranato di quanto crede. La scelta di cogliere l'occasione e di intraprendere questa avventura che vi metterà alla prova è solo vostra.
E magari, scoprirete che in voi si cela un Guerriero o una Guerriera.
L'anima nobile, coraggiosa e forte del Guerriero e della Guerriera, si cela in chiunque, cercare di riscoprirla è un viaggio interiore che solo pochi scelgono di fare.
 
In questo Dōjō, avrete la possibilità di farlo, a prescindere che siate giovani o anziani, uomini o donne, prestanti o sedentari avrete tutti l'occasione di vivere questa esperienza, e chi sa, magari a ritrovarvi a vivere l'avventura di entrare a far parte di un vero clan di ninja.
L'arte marziale che praticavano i Ninja si chiama Ninjutsu, una disciplina poco conosciuta in Italia, una novità per molti. Ma in realtà si tratta di una delle discipline più antiche tra i retaggi riportati al giorno d'oggi dal Giappone feudale.
Le tecniche di combattimento a mani nude, o con l'uso delle armi tradizionali, che dopo secoli sono riportate ancora oggi nei Dōjō tradizionali, possono essere praticate grazie alla meticolosa e rispettosa conservazione, che hanno condotto i discendenti di coloro che hanno affrontato in prima persona le battaglie combattute nel medioevo. Tramandandole generazione dopo generazione in un lignaggio potremmo dire immortale.
 
L'addestramento si struttura in 4 fasi importanti:
1/ Le Tecniche del Combattimento a Mani Nude - Imparare a difendersi e a controllare la propria forza e quella dell'avversario.
2/ Le Tecniche del Combattimento con le Armi Tradizionali Giapponesi e Cinesi - Imparare tramite esercizi tradizionali, a difendersi e a controllare con qualsiasi arma e o oggetto che in una situazione di pericolo ci si ritrova in mano.
Le armi tradizionali che vengono praticate in questa scuola sono più di 50, e il loro uso, i movimenti e le posizioni, sono il lascito di secoli e secoli di studio tramandato e riportato ancora oggi come allora.
3/ La Ginnastica - La preparazione atletica che per un vero ninja è importantissima, poiché sia a mani nude che con le armi, la pratica delle tecniche di combattimento, di fuga o di atterraggio (imparare a cadere senza farsi male), sono all'apice del suo addestramento.
4/ La Cultura - Il Dōjō Yuki no Senshi non è una palestra, non si pratica semplicemente sport al suo interno. È prima di tutto una scuola, un luogo in cui viene trasmesso un retaggio che è stato tramandato da maestro ad allievo, per secoli. Un praticante di arti marziali che si rispetti, deve conoscere anche la cultura e la storia del mondo di cui fa parte, e praticare nel corpo e nella mente, quindi armi e libri.
Seminari:
•Tradizione, cerimonie, e cultura giapponese.
• Storia del periodo feudale giapponese.
• Addestramento all’aperto in natura.
• Gite istruttive.
• Approfondimenti della disciplina.
• Shodō - calligrafia giapponese.
• e altro ancora ...